Archivi per la Categoria: Lessico

Energia

  • Il nostro capitale energetico vitale corrisponde ad una riserva di energia vitale con la quale nasciamo. Esso risiede nello hara, centro situato in prossimità del secondo chakra, sotto l'ombelico.
  • Il nostro capitale energetico spirituale, o kundalini, è avvolto a spirale nel primo chakra. Al contrario del capitale vitale non funziona spontaneamente, ma necessità di un risveglio provocato dalla pratica volontaria di coscienza e respirazione.
  • L'energia vitale universale è onnipresente, infinita ed inesauribile. L'assorbiamo tramite intermediari come il nutrimento, la natura (la terra, gli alberi, il sole, ecc.) e l'aria. 
  • L'energia spirituale universale ci arriva grazie alla pratica di coscienza e di meditazione. I chakras rappresentano le porte di accesso centrali di questa energia nel nostro corpo, benché ogni cellula abbia egualmente questa capacità di ricezione.

 

Decorporazione

La decorporazione che avviene nelle prime fasi della seduta fornisce materiale alla persona per raccontare successivamente la propria esperienza, ma spesso non aiuta il soggetto a ricomporre e concludere le esperienze che il respiro ha richiamato alla coscienza. È preferibile, in questo caso, riportare l'accompagnato alla presenza tramite schiocchi di dita, suggererendo il ritmo respiratorio vicino all'orecchio o, in alcuni casi, utilizzando dei cimbali tibetani, il cui suono provoca una "caduta" della coscienza, attraverso i chakra, dal basso verso l'alto.

Credenza

Credenza

 

  • É un insieme di pensieri, solidali fra di loro, generanti uno schema che influenza (o secondo alcuni "crea") la nostra visione del mondo.
  • Le credenze si aggregano in sistemi (sistemi di credenze).
  • Ogni persona ha un suo proprio sistema di credenze.
  • Ogni aggregato sociale ha anch'esso un suo sistema di credenze.
  • Ogni persona si muove in aggregati di credenze sociali, a loro volta intersecati da altri sistemi paralleli.

Coscienza di vittima

Coscienza di vittima

 

  • Attitudine mentale che rifiuta il potere creatore del pensiero e che ci rende tributari di avvenimenti esterni di fronte ai quali diveniamo impotenti.
  • Antitesi delle teorie karmiche, viene anche utilizzata come alibi o strategia comportamentale, per evitare di assumersi la responsabilità delle proprie azioni e per procrastinare il passaggio all'età adulta.

 

Coscienza intissima

Coscienza intissima

  • La coscienza intissima è la componente dell'attenzione che permette di penetrare, di osservare e di risvegliare la vibrazione.
  • È anche la componente più profonda e minimale della coscienza.
  • Concerne la capacità di intelligenza cellulare, il potere di accedere alla coscienza di ogni singola cellula del nostro corpo.
  • La coscienza intissima viene risvegliata dalle tecniche di respirazione vibratoria.

 

 Leggi anche l'articolo: "Il Pensiero XVII°".

 

Coscienza dell’infantilismo

¹Alcuni lo chiamano anche scenario di nascita o trauma di nascita. Ne parlò Otto Rank (il trauma di nascita), mentre nel campo del respiro è stato introdotto da Leonard Orr.

²Si tratta di uno dei "cinque grandi", ovvero le cinque cause primarie di infelicità secondo Leonrad Orr.
Esse sono:

Scenario di nascita
Disapprovazione parentale
Negatività specifiche (ovvero convinzioni e credenze)
Pulsione di morte
Karma

Coscienza creatrice

 

Coscienza creatrice

  • Attitudine mentale in grado di accettare la realtà del potere creatore del pensiero.
  • Ci permette d'integrare, di perdonare, di uscire dal ruolo di vittima e di evolvere. 

EVENTI

Antonio Franco | Breath Trainer & Counselor
info@innerbreathing.org
P.I 08904860965, C.F. frnntn64h08e783z
Professionista normato
ai sensi della legge 4/2013

INFORMATIVA PRIVACY | INFORMATIVA UTILIZZO COOKIES

L'utilizzo del materiale prodotto da questo sito è possibile solo citando la fonte. Per i materiali dei quali ci è stato concesso l'uso, occorre l'autorizzazione del legale proprietario degli stessi.